Martedì 27 febbraio 2024

Gioia 12 - Via Flavio Gioia 12 - Verona

INSPIRING LAB

INSPIRING LAB  – ARTIGIANALITÀ E INNOVAZIONE – L’ALTA MODA DI ALESSANDRA BROGGIATO

Al via il primo appuntamento del programma Inspiring Lab in cui scopriremo storie di donne di ispirazione e che hanno saputo trasformare un sogno in una professione.

Il 27 febbraio 2024 ore 19,30 ci incontriamo da GIOIA 12 per un momento di networking e per conoscere Alessandra Broggiato e la sua storia.

Alessandra Broggiato, imprenditrice e creativa, conosciuta per le sue affascinanti produzioni floreali e non solo, ci ospiterà nel suo spazio espositivo e laboratorio, polo d’eccellenza italiana a Verona, caratterizzato da moda, artigianato, cultura, collaborazioni con partner selezionati e servizi esclusivi.

Una storia in cui si intrecciano determinazione, capacità manuale, visione del futuro e fiducia nelle proprie capacità e nel “puntare in alto”.

Al termine della serata avremo l’opportunità di conoscerci meglio e fare rete attraverso attività di gruppo sul tema” Ispirazione”.

Quota di partecipazione Soci VPWN 15€ – Quota di partecipazione NON Soci 20€

 

“Tutto è iniziato con l’uncinetto.”

Una tradizione familiare nella sartoria e pellicceria nel cuore di Verona. 

Una passione per i cappelli e la capacità manuale di creare meravigliosi dettagli per impreziosire e rendere unici capi di alta moda. 

Il Laboratorio di Alessandra Broggiato è una fucina di idee creative, strumenti e saper fare artigianale. Anzi, “artigner” come si definisce lei: una via di mezzo tra la professionalità dell’artigiano e quella di un designer. «A diciassette anni ho iniziato a fare i primi cappellini all’uncinetto, mio padre era l’unico a credere in me», racconta Broggiato. «Nel 1995 sono andata con la mia valigetta e le mie creazioni da uno dei più grandi stilisti di alta moda di Milano. È diventato il mio primo cliente e non mi ha più lasciato. 

Non solo un ambiente dove si produce: nel Laboratorio anche un negozio e una sezione dedicata alla formazione dove si fanno corsi di modisteria. Intorno, i protagonisti: gli strumenti del mestiere e le forme per i cappelli recuperati con pazienza dai primi anni Duemila. «Sono gli stessi che si usavano negli anni Trenta, hanno un grande valore». «Ho imparato a fare i fiori da una signora che li faceva a casa», racconta Broggiato. 

Una storia in cui si intrecciano determinazione, capacità manuale, visione del futuro e fiducia nelle proprie capacità e nel “puntare in alto”.

Condividi l'evento!